il Calderone

Centro Umanista di Espressione Artistica

Ecco alcune immagini del Calderone TOTEM CASERECCIO del 17 Gennaio 2002
L'iniziativa è nata così. Ci siamo incontrati con gli allievi di tutti i corsi alla fine di Ottobre in cui si doveva immaginare ed inventare possibili serate autogestite in cui potevamo esprimerci liberamente. Da quella riunione sono venute fuori tre proposte da votare collettivamente con il resto degli allievi, segnalando la propria adesione su di un cartellone appeso nelle diverse sale dei corsi, scrivendo il proprio nome ad di sotto di ogni proposta. Le proposte furono queste tre: 
TOTEM CASERECCIO. Si partecipa portando quanto di artistico ci ha colpito nella nostra vita, come brani di letteratura e musicali, posie, fotografie, fumetti, pitture, cercando di trasmettere le emozioni e il senso che ha avuto per noi.
AMALGAMARTE. Una serata per creare un'opera d'arte collettiva. Potrebbe essere un maxi disegno a più mani, un racconto multistilistico, un'idea recitata, illustrata, cantata e chissà cos'altro.
ARTISTI in SCENA. Nell'attesa di diventare famosi, cominciamo a mostrare agli altri le nostre creazioni. La serata consiste nel portare una nostra opera da donare agli altri allestendo una sorta di esposizione da inventarci. Volendo, ognuno può 'illuminare' gli altri sul senso della propria opera.

Al momento che si erano raggiunte un certo numero di adesioni, Ci incontrammo per valutare i dati e la proposta che ricevette più consensi fu la prima, e quindi iniziammo a elaborare e a immaginarci lo svolgimento della serata, vedendo cosa fare, come farlo e chi se ne occupava. Si sono poi stabilite le date di realizzazione e di allestimento, poi rese pubblicizzate a tutti gli allievi.
Ci siamo quindi incontrati il giorno prima ad allestire quella specie di TOTEM realizzato con stracci, fil di ferro e gesso che doveva servire ad accogliere le tracce di tutti gli interventi al Calderone, poesie, fotografie, simboli, oggetti a perenne ricordo della serata.
Il Totem si è svolto nella palestra del Circolo con inizio alle 17 del pomeriggio di Domenica, l'allestimento della sala si è svolto nelle ore precedenti circa alle 15.00. Il panico quando alle 16.00 ancora non c'era nessuno a parte me e Andrea, non solo mancavano le luci, le prolunghe e altre cosette che avevamo programmato perfettamente per la totale riuscita della serata. Il resto della banda arrivò poco dopo le 16 ma per le 17.30 tutto era pronto, si era rimediato anche alla prolunga, manomettendo un cavo elettrico con un coltello da cucina..
La serata è stata molto positiva per l'entusiasmo e l'allegria con la quale ci siamo messi in gioco e per gli apprezzamenti sinceri degli amici del pubblico (invitati dagli allievi), molto emozionante per come ognuno di noi è riuscito a trasmettere agli altri le proprie emozioni, idee ed esperienze legate al "pezzo" d'arte che abbiamo esposto agli altri, molti dei quali non si erano mai visti prima.

Per concludere ecco il programma completo di quella serata.

Nome

Intervento

Paolo

Quadro di Pablo Picasso La donna in lacrime

Daniele

Novella popolare Cinese

Jacopo

Poesie di Omar Kaian Le Rubajat

Loredana

Brano dal Monologo Novecento di Baricco

Milena

‘A Livella di Totò

Andrea

Poema di William Blake Un canto di libertà

Lido

Pitture ed oggetti di sua invenzione e non

Simone

Brani scelti dal Don Pasquale Opera lirica di Donizzetti

Federica

Favola d’amore di Herman Hesse

Mariangela

Poesia metasemantica di Fosco Maraini

Claudia

Brano di Franco Battiato Il Re del mondo

Jacopo

Brano de Il cielo è rosso di Berto

Francesca

Critica di Calvino su Orlando Furioso dell’Ariosto

Annalisa

Articolo sul tema del Viaggio di Staino e sua esperienza a Barcellona


Claudia assorta nella musica di Battiatto

Andrea mentre legge il poema di Blake

Alcune "facce" sorridenti...
 

...altre serie, concentrate e straLLLLLLunate!!!
 
Home 
Chi siamo
I Corsi
Link
Saggi

Appuntamenti

Info